Vai al contenuto

Blog

Gli uffici flessibili sono già il futuro (e piacciono a tutti)

Ufficio flessibile trento

Lavorare da ovunque si voglia piace ai lavoratori e anche alle aziende.

Ricerche fatte finora sul lavoro ibrido e sugli uffici flessibili dimostrano, infatti, che i benefici riscontrati sono da ambo le parti.

Per le aziende, incrociare la presenza in ufficio con la possibilità di lavorare da qualsiasi altro posto, è fonte di risparmio, ma non solo. 

Dal punto di vista immobiliare, le imprese stanno infatti guardando a nuovi modelli di ufficio a cui appoggiarsi, spazi accoglienti, ma soprattutto capaci di rispondere alle richieste dei lavoratori (sostenibilità, benefit, flessibilità…).

Questa scelta può influire positivamente sui bilanci, riducendo le spese e, al contempo, trattenere i talenti in azienda, che è uno dei problemi più attuali del mondo del lavoro.

Perché la flessibilità ormai non può più essere considerata un’optional, tanto che sempre più persone la valutano come elemento fondamentale nella scelta del posto di lavoro, su tutte quelle che appartengono alle generazioni più giovani.

E proprio i lavoratori sono i protagonisti del lavoro ibrido, perché una volta provati i benefici, hanno scoperto come la possibilità di lavorare da remoto possa migliorare la qualità di vita, favorendo anche i risultati professionali.

Risultati che contano più delle ore di lavoro e che spingono sempre più aziende a scegliere spazi da remoto che si adattano alle proprie esigenze e anche a quelle dei lavoratori, grazie al modello degli uffici flessibili.

In sostanza, la flessibilità non è più un concetto astratto ma è una realtà che aziende e lavoratori ricercano e adottano perché migliora il lavoro e migliora la vita delle persone, rendendole più libere e, di conseguenza, più felici.

Ufficio flessibile: cos’è e come funziona

‘Andare in ufficio’ fino a poco tempo fa significava timbrare il cartellino al mattino e ritimbrarlo alla sera, con orari definiti al minuto. In più, l’ufficio era sempre quello, con la stessa postazione, gli stessi colleghi e lo stesso panorama fuori dalla finestra.

Oggi lo spazio lavoro cambia volto e diventa ufficio flessibile, una soluzione che aziende e lavoratori scelgono perché non ha orari definiti, ci si può andare secondo esigenze ed è dinamico nella sua essenza.

In nome di una maggiore libertà di organizzare il lavoro, le persone possono infatti scegliere quando andare in ufficio e questo ha enormi benefici dal punto di vista pratico (migliore organizzazione della vita personale, meno spostamenti nelle ore trafficate, meno costi accessori…)

Le aziende, così come i liberi professionisti, trovano inoltre nell’ufficio flessibile una soluzione che non ha costi occulti, perché tutto viene definito all’inizio, grazie ai servizi inclusi.

Con il carovita, ad esempio, sapere che le bollette dell’energia elettrica e del riscaldamento sono incluse nel costo all’ufficio flessibile, mette al riparo da brutte sorprese e aiuta aziende e freelancer a pianificare in modo ottimale le spese da sostenere.

Ufficio flessibile: l’ufficio del futuro

L’ufficio flessibile è l’ufficio del futuro perché, oltre ai tempi, permette di modellare gli spazi secondo le esigenze delle aziende e dei lavoratori.

Gli ambienti possono, infatti, essere allestiti come serve e quando serve, rispondendo in modo puntuale alle richieste più diverse.

Ad esempio, uno spazio di lavoro flessibile può organizzarsi con tante postazioni, se deve accogliere lavoratori che hanno bisogno di scrivanie singole.

Oppure, può riunirsi in ampie postazioni se serve fare delle riunioni, delle presentazioni di progetti o dei meeting.

E ancora, gli uffici flessibili possono prevedere degli open space, spazi che non sono divisi da barriere, così come postazioni appartate, che per ragioni di privacy devono essere delimitate.

Questo è uno dei grandi benefici dell’ufficio flessibile: la libertà di organizzare lo spazio secondo esigenze, per rispondere al meglio e favorire il lavoro in ogni sua forma.

Si tornerà a lavorare in ufficio? 

La pandemia ha indubbiamente cambiato il mondo del lavoro, introducendo il lavoro da casa e, successivamente, il lavoro ibrido che prevede una parte di presenza in ufficio.

Diverse voci sono concordi nell’affermare che indietro non si torna più, ovvero una volta assaporata la libertà di poter organizzare il lavoro in questo modo, sono sempre meno i lavoratori che vogliono trascorrere tutto il tempo in un solo ufficio aziendale.

Ma c’è un ma. 

Lavorare solo ed esclusivamente da soli, senza confronti ‘fisici’ con colleghi o management può avere dei lati negativi, come ad esempio l’alienazione, la perdita del contatto sociale e anche la diminuzione dell’interesse per il proprio lavoro.

Ecco perché il lavoro ibrido è la risposta che probabilmente metterà d’accordo tutti, perché unisce la possibilità di lavorare da dovunque con una presenza mirata in sede.

Ed ecco perché gli uffici flessibili sono, a loro volta, la risposta a questo modello, che può notevolmente migliorare il mondo del lavoro e, soprattutto, la vita delle persone.

Picture of Simone Valer

Simone Valer

Responsabile presso Aries Workspace. Amo viaggiare, ballare e scalare le vette più alte in montagna. Tutti i giorni vivo l'ufficio e qui racconto la vita quotidiana di quasi 40 realtà aziendali che hanno scelto la comodità di avere un ufficio arredato per la propria attività.

Altre News

Matteo Gadotti Consulente informatico

Matteo Gadotti – Consulente informatico

Inauguriamo oggi una nuova rubrica sul Blog, dedicata a chi lavora tutti i giorni all’interno degli uffici di Aries&Partners, Business Center – Centro Uffici Arredati del Trentino. Ho pensato di raccontare i volti e le esperienze professionali delle persone che

Prosegui la lettura »