Intervista in ufficio – Cristiano Nordio di People Branding©

Intervista in ufficio – Cristiano Nordio di People Branding©
Aprile 5, 2018 Simone Valer
Intervista in ufficio Cristiano Nordic People Branding

Con l’intervista in uffico di questo mese, do il benvenuto a Cristiano Nordio, che sarà ospite di Aries il 17 aprile 2018 dalle 13.30 alle 18 con il corso “Il Valore del Brand: come non essere invisibili”. Ho deciso di intervistarlo per scoprire insieme alcuni dettagli sul corso e capire come è stato ideato e messo in pratica il metodo People Branding©.

Com’è nato e a chi si rivolge il metodo People Branding©?

People Branding è un metodo nato e cresciuto e co-creato assieme alle Micro, Piccole e Medie Imprese del territorio del Nord Est. Dopo quasi sei anni di sperimentazione e prototipazione oggi si rivolge a imprenditori, manager e consulenti che operano in quel contesto, con l’idea di supportare le imprese che faticano ad utilizzare metodologie o teorie internazionali pensate per grandi aziende o multinazionali, nell’imparare ad adattarsi agli scenari e ad implementare nuove strategie e modelli organizzativi sulla base dei loro bisogni, problemi ed esperienze.

Nasce dall’unione di due parole: People come persone e Branding, parola che si richiama al mondo aziendale. A noi piaceva l’idea di mettere al centro non il singolo e nemmeno l’azienda ma le persone, in quanto, a nostro modo di vedere sono la chiave vincente per le aziende del

Cristiano Nordio People Branding©

Cristiano Nordio – People Branding©

futuro. Questo perché la stragrande maggioranza di noi vive in mezzo ai due confini estremi del Personal Branding e del Corporate Branding. La vita è fatta di relazioni miste e la nostra economia è fatta di reti formali e informali e di rapporti lavorativi che si estendono oltre i confini di una partita IVA giuridica.

Stando in azienda, giorno dopo giorno, sentivamo l’esigenza di un metodo dall’approccio semplice e che fosse in grado di dare risposte e output da subito, riutilizzabili man mano che veniva usato
 e così abbiamo deciso di provare a mettere dentro a delle scatole (che noi chiamiamo deck) la nostra ventennale esperienza e conoscenza come consulenti e formatori per fornire una serie di strumenti integrati e modulari, utili a comprendere e creare valore per l’ecosistema di business delle aziende che seguivamo e che seguiamo. Dieci di queste aziende si sono raccontate e hanno raccontato la loro esperienza col metodo nel libro che abbiamo pubblicato ad aprile 2017 per Franco Angeli.

Alla fine è nata una cassetta degli attrezzi che abbiamo chiamato Business Model Journey: il primo metodo che affronta la creazione della proposta di valore attraverso l’analisi dell’esperienza d’acquisto.

Quale sarà il focus del corso “Il valore del brand: ovvero come non essere invisibili” del prossimo 17 aprile?

Il focus della giornata sarà la gamification, uno dei 4 pilastri del metodo People Branding. L’uomo è nato per giocare. Il gioco è un’azione volontaria per trarne piacere. Sin da piccoli il miglior modo per imparare è giocando. Attraverso il gioco apprendiamo a gestire situazioni complesse, il rischio, i feedback e il successo. Come diceva Einstein

Il gioco aiuta ad ottenere e vedere migliori soluzioni, a sentirsi migliori, a trovare nuovi usi e nuove modalità di porsi di fronte alle solite azioni.

Il gioco lascia spazio all’ascolto e al pensiero laterale, è profondamente legato alla creatività, crea contesti di sperimentazione e stimola azioni, reazioni e risposte. La gamification, attraverso il gioco, cerca di coinvolgere le persone a provare più coinvolgimento e divertimento nelle attività quotidiane. Ogni decisione nata assieme attraverso il gioco e il confronto è una decisione che funziona di per sé, sin da subito perché nasce dal basso già condivisa. In questo il metodo aiuta a creare una cultura aziendale delle decisioni, dove è l’azienda stessa nel suo insieme che impara a decidere e non solo il manager o l’imprenditore.

Partiremo quindi da un caso pratico e ci focalizzeremo sulla costruzione di una brand identity, andando alla ricerca della sua essenza, in termini di posizionamento, valori, personalità e cultura, per far luce sui fattori che la contraddistinguono. Lo faremo lavorando in gruppi, come si farebbe giocando a Monopoli, con un poster, delle carte e altri oggetti di gioco del Brand DNA© Deck, e un sacco di post-it e pennarelli, senza bisogno di teoria e con la possibilità di portarsi a casa conoscenze immediatamente utilizzabili alla fine del corso. Le idee, le informazioni e i concetti emersi dal gioco diventeranno la base e il punto di riferimento per le azioni di comunicazione sia che si tratti di creare un logo o un immagine oppure di impostare la comunicazione online e offline.

Perché è fondamentale per un’azienda pensare ad una strategia di brand?

I valori e l’immagine dell’azienda sono un patrimonio da custodire e promuovere. Il brand non costituisce solo uno strumento attraverso cui rendere il nostro prodotto riconoscibile nel mercato, non è solo una questione di colori, stile e coerenza del messaggio, ma è il dialogo sulla fiducia e sulle aspettative tra noi e i nostri clienti. E’ una promessa, la nostra promessa, di essere davvero la scelta migliore e che la fiducia riposta non sarà tradita.

Consumatori e imprese hanno un ventaglio di opzioni infinite e vincoli temporali sempre più ristretti per decidere. La capacità di una marca di facilitare i processi di scelta, si rivela un capitale inestimabile.
Oggi, non importa in quale business siamo, i clienti sono online e sanno quello che facciamo e chi potrebbe farlo al posto nostro. Non c’è mai stato un momento più importante per distinguersi e assicurarsi che i clienti ci scelgano e ci consiglino.

Il brand è un’esperienza. La promessa è l’emozione che si vuole trasmettere!

Avere una strategia di brand oggi non costituisce più un’opportunità ma una condizione necessaria per essere competitivi in mercati sempre più globali. Costruendo un contesto di esperienza, collaborazione ed apprendimento che coinvolga tutti gli altri attori, possiamo contribuire alla generazione e alla comunicazione del valore per l’utente finale.

Un consiglio per le start up che stanno affrontando lo scenario economico attuale.

Un consiglio per tutti? Seguire le 10 leggi delle 10 aziende che menzioniamo nel libro e che sono stati gli stessi imprenditori a far emergere con il loro contributo e con il loro lavoro. Ciò che accomuna tutte queste aziende, quelle dei 10 casi ma anche quelle che per motivi di spazio nel libro non ci sono, è la convinzione da parte dell’imprenditore – e di chi ci lavora dentro – che l’azienda deve cambiare e che ci si deve mettere in gioco davvero per riuscirci.

L’economia è cambiata e necessariamente deve cambiare anche il modo di fare impresa. E’ arrivato il momento di cambiare sistema operativo. Le vecchie strategie non funzionano più. Una strategia dovrebbe servire ad affrontare qualsiasi scenario possibile o impossibile, non a fornire risposte preconfezionate. Giorno dopo giorno dobbiamo imparare a spostare il fronte di ciò che sappiamo e facciamo, acquisendo visioni e strumenti adatti a un mondo in costante cambiamento.


Il primo incontro del 2018 di Il Salotto dell’Imprenditore sarà un pomeriggio insieme a People Branding dedicato a “Il Valore del brand: ovvero come non essere invisibili”.

Se vuoi mettere in gioco te stesso e la tua attività, iscrivi subito su Eventbrite https://goo.gl/5PQM6C

Fino all’11 aprile approfitta dell’early booking  https://goo.gl/5PQM6C 

Il valore del Brand People Branding


Per approfondire la storia di Cristiano Nordio, una breve biografia:

Consulente, docente e temporary manager. 
Accompagna PMI e reti di imprese a  crescere attraverso il business modeling, il marketing strategico e la comunicazione digitale. 
Ha conseguito un Dottorato in Business Management all’Università di Milano. 
Ha fondato e gestito per dieci anni come imprenditore prima una società di marketing operativo e organizzazione eventi e poi una web agency. 
Ha lavorato come international marketing consultant per aziende di paesi caratterizzati da economie emergenti nell’ambito di svariati progetti di cooperazione allo sviluppo. 
Ha insegnato Advanced Marketing all’Università di Padova e insegna Marketing Digitale in importanti associazioni di categoria. 
Gestisce il blog Four.Marketing dal 2005. Ha ideato il metodo People Branding e lanciato con Natascia Pivetta la startup Dthinkers nel gennaio del 2018. Ha scritto il libro People Branding: 10 leggi e 10 casi per aziende in via di innovazione edito da Franco Angeli ad aprile 2017. Nella vita e sul lavoro applica quanto professa prima di professarlo, sempre. Per il resto c’è Google.

Latest posts by Simone Valer (see all)

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Per maggiori informazioni e per conoscere i nostri prezzi

Contattaci!
×

Ciao!

Scrivici un messaggio, ti risponderemo appena possibile!

× Whatsapp