Zoom fatigue: come gestire lo stress da chiamate virtuali

Zoom fatigue: come gestire lo stress da chiamate virtuali
Luglio 10, 2021 Simone Valer
Zoom Fatigue

Negli ultimi due anni moltissimi hanno imparato a conoscere e usare Zoom e altre piattaforme che permettono di sentirsi e vedersi a distanza con i colleghi e le colleghe per sessioni di lavoro condivise, riunioni di un singolo team, e anche dell’intera azienda.

Le videochiamate sono state il mezzo con cui si è cercato di ricreare i momenti di condivisione tipici degli uffici. Le troppe sessioni su Zoom o in videochiamata hanno, però, portato a un fenomeno nuovo: il cosiddetto Zoom fatigue, ovvero la stanchezza da videochiamate.

ZEF scale: misurare l’affaticamento da Zoom

Il “Virtual Human Lab Interaction” della Stanford University ha pubblicato un documento che valida empiricamente la Zoom Exhaustion & Fatigue Scale – ZEF Scale. Dallo studio qualitativo, basato su 395 interviste, sono state scoperte le cinque dimensioni della fatica: fatica generale, sociale, emotiva, visiva e motivazionale. Dallo studio di validazione, inoltre, si è scoperto che:

  • la frequenza, la durata e l’intensità delle riunioni Zoom sono associate a un livello più elevato di affaticamento
  • la stanchezza è associata ad atteggiamenti negativi nei confronti degli incontri Zoom.

Gestire lo stress da videochiamate

Da qualche mese la vita in ufficio è ripresa in diverse aziende ma alcune di loro si stanno organizzando per mantenere la possibilità di lavorare da casa – lo smart working all’italiana – per alcuni giorni alla settimana. Sono sempre di più, infatti, i dipendenti che chiedono di avere questa possibilità per gestire al meglio l’equilibrio lavoro-vita famigliare.

Ed ecco che si stanno scontrando con la Zoom fatigue. Noi di Aries Workspace ci siamo informati sul fenomeno e vogliamo condividere alcuni suggerimenti per gestire lo stress da videochiamate, basati anche sull’esperienza del nostro Business Center. Da anni ospitiamo imprenditori e liberi professionisti che lavorano tramite piattaforme virtuali.

Ridurre le ore delle videochiamate

Continuare a lavorare da dove si vuole è possibile solo regolamentando meglio il numero di ore da trascorrere in videochiamata nell’arco di una stessa giornata ma anche dell’intera settimana lavorativa.

Usare un filtro per il monitor

Uno dei motivi dell’affaticamento è dovuto alla stanchezza degli occhi davanti al monitor, specie se questo è molto luminoso. Una soluzione è usare uno dei tanti filtri disponibili per attenuare la luminosità e la fatica di guardare il monitor.

Variare il mezzo per comunicare

Ma è davvero sempre necessario sentirsi in videochiamata? Se si fa una buona valutazione di ciò che si deve comunicare, in alcuni casi ci si può rendere conto che potrebbe bastare una telefonata o un’email.

Programmare delle pause

Un’altra buona abitudine da non trascurare mai è fare delle pause tra una videochiamata e l’altra. Portare lo sguardo via dal monitor, guardare dalla finestra o semplicemente fare due passi in modo da distogliere lo sguardo.

Trova il tuo ritmo lavorativo in Aries Workspace

Nel nostro Business Center a Trento, Aries Workspace, puoi lavorare seguendo il tuo ritmo tramite il noleggio di un ufficio arredato per: alcune ore, un giorno, un mese o un anno, a seconda delle tue esigenze.

Sono tanti i vantaggi d avere un ufficio in un Business Center, tra cui la possibilità di far crescere la tua attività vicino ad altri professionisti ed imprendtiori. Troverai un ambiente in cui conoscere possibili nuovi collaboratori e clienti, e professionisti con cui confrontarti.

Contattaci per venire a scegliere il tuo nuovo spazio lavorativo.

 

Simone Valer

0 Commenti

Lascia una risposta

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

*

Per maggiori informazioni e per conoscere i nostri prezzi

Contattaci!